Spedizione in 48h
Gratuita a partire da 30€

Assistenza
349 8664126

Ti serve aiuto?

Forasacchi: spighe pericolose

farmacia veterinaria blog
Indice dei contenuti

    In questo articolo affrontiamo un tema tanto diffuso quanto pericoloso per la salute del cane per cui è importante conoscere sintomi e come intervenire quando possibile o in caso contrario quando è necessario contattare il medico veterinario, i forasacchi: spighe pericolose.

    Che cosa si intende con il termine Forasacco?

    Con il termine forasacco vengono identificate le spighe di alcune graminacee selvatiche che si ritrovano anche nei parchi cittadini e lungo le strade.

    Ma normalmente, durante l’inverno questi non sono pericolosi, quindi quando prestare attenzione?

    Risultano pericolosi durante il periodo primaverile-estivo quando infatti le graminacee si seccano irrigidendosi possono attaccarsi facilmente al pelo del cane.

    Ma attenzione! A causa della loro struttura a freccia e della loro consistenza rigida e rugosa, i forasacchi si impigliano facilmente al pelo di cani e gatti, da qui, l’animale, muovendosi, ma anche grattandosi, può favorire la penetrazione del forasacco sottopelle o in altre zone sensibili; tra queste il naso, la bocca, gli occhi e le orecchie.

     

    Sintomi

    A seconda della zona in cui penetrano, la sintomatologia sarà diversa:

    Sottopelle: se il forasacco rimane impigliato nel pelo dell’animale, può raggiungere la pelle e, tramite la punta rigida e affilata, può penetrare causando a seconda della profondità e del tempo trascorso, prurito, dolore localizzato, arrossamento e gonfiore.

    Per cui è buona prassi controllare il pelo del cane soprattutto dopo una passeggiata in un campo o in un parco.

    Zampe: anche nel caso delle zampe, il forasacco può facilmente raggiungere il sottocute, in particolare nella zona fra le dita causando zoppia e dolore. Questa è la zona più colpita per cui segue quanto detto sopra, controllare sempre il cane.

    Naso: altamente pericolosa come zona. In questo caso il forasacco viene aspirato dal cane o dal gatto mentre giocano nell’erba alta. Il sintomo più evidente sono gli starnuti, molto violenti e continuativi accompagnati da sanguinamento.

    Orecchie: quando il forasacco penetra nell’orecchio, il cane o il gatto tendono a scuotere la testa, tenendola inclinata dal lato che causa loro dolore o fastidio quindi facilmente intuibile specie dopo passeggiate in campi con erba tagliata e secca.

    Attenzione però, alcune volte il forasacco nell’orecchio non provoca alcun sintomo, tanto da venire scoperto solo durante una normale visita veterinaria!

     

    Come intervenire

    In base alla zona in cui è penetrata la spiga, sarà necessario agire in modo differente se possibile.

    orecchie: se il forasacco è entrato nell’orecchio del nostro cane o del nostro gatto, non possiamo estrarlo da soli, richiede l’intervento del medico veterinario perché più delicata come operazione.

    naso: anche in questo caso è meglio recarsi dal veterinario il prima possibile. Come per l’orecchio, potrebbe essere necessario addormentare l’animale per eliminare il forasacco dalla cavità nasale.

    sottopelle: se il forasacco è ancora visibile, potremo provare a estrarlo con delle pinzette, facendo molta attenzione a non romperlo altrimenti contattare il medico veterinario, in modo da far estrarre la spiga prima che faccia troppa strada sotto la cute;

    occhi: anche nel caso degli occhi, l’intervento dovrà essere effettuato dal veterinario entro breve tempo, così da scongiurare ulcerazione della cornea o perforazioni.

     

    Prevenzione

    Come sempre, prevenire è meglio che curare! Come fare?

    In primis, per le passeggiate scegliere zone in cui l’erba non è alta o tagliata e quindi lasciata seccare al sole;

    in secondo luogo prestare attenzione ai bordi dei marciapiedi, se questo non è possibile controllare accuratamente il pelo, zampe e le altre zone maggiormente esposte del corpo del cane in relazione anche alla razza del cane (ad esempio per cani a pelo lungo è bene spazzolarli, oppure per cani con orecchie lunghe è bene controllare e pulire).

     

    Conclusioni

    In conclusione è bene evitare zone con erba tagliata e secca nel periodo privarile-estivo per ridurre il più possibile il rischio e di conseguenza problematiche al cane o al gatto.

     

    Condividi questo articolo

    Siamo qui per aiutarti!

    Hai un problema con il tuo pet?

    Scrivici su WhatsApp

     

    Assistenza Whatsapp
    349 8664126

    Dal Lunedì al Sabato
    08.00 - 13.00 | 16.00 - 21.00

    Newsletter

    Iscriviti per essere aggiornato sulle novità